Tricholoma terreum (Schaeff.) P. Kumm.

Descrizione:
Cappello 4-7 cm, conico-convesso, poi spianato, leggermente umbonato, cuticola fibrillosa, sericea, di colore grigio piu' o meno scuro.
Lamelle larghe, poco fitte, smarginate, arrotondate verso il gambo, fragili, bianche, sfumate di grigio a maturazione, margine denticolato.
Gambo lungo 3-6 cm, largo 0.5-0.8 cm, cilindrico, un po' ricurvo, fistoloso, fragile, bianco, sericeo, liscio.
Carne fragile, bianca, grigiastra sotto la cuticola, odore nullo o leggermente erbaceo, sapore leggero di farina.
Sporata bianca.

Note. Conosciuto volgarmente come "moretta" fa parte di un gruppo di Tricholoma grigi, tutti commestibili: tra essi Tricholoma scalpturatum si distingue per la carne ingiallente e l'odore di farina; Tricholoma gausapatum ha lamelle da subito grigiastre, molto alte e smarginate; Tricholoma myomyces presenta una sorta di cortina che in gioventu' congiunge il gambo con il cappello ed a maturazione lascia residui lanosi sul gambo (ndr: Tricholoma terreum e' sempre privo di cortina). Funghi somiglianti tossici sono Tricholoma pardinum e Tricholoma groanense, ma queste due specie sembrano estranee alla flora isolana.

Habitat: pinete, in gruppi numerosi o in cerchi, nel periodo autunnale.

Ritrovamento in provincia di Cagliari.

Commestibile discreto dopo cottura, specialmente nei trifolati.