Paxillus rubicundulus P.D. Orton

E' specie da ritenere abbastanza diffusa nell'isola, crescita da gregaria a subcespitosa, in gruppi.
Cappello di colore sostanzialmente ocra-bruno, cuticola opaca, finemente screpolata, margine tubercolato ed orlo involuto.
Lamelle fitte, decorrenti, di color ocra pallido, rossastro-imbrunenti se traumatizzate.
Gambo cilindrico, fibrilloso e concolore al cappello, rossastro-bruno alla manipolazione.
Carne compatta, densa, bruno-rossiccia al taglio, di odore gradevole. Con ammoniaca macroreazione rossastra della cuticola nell'essicato.
Sporata di colore bruno-ruggine.

MICROSCOPIA:
Spore brunastre, ellissoidali, lisce, a contenuto vacuoliforme, misure rilevate comprese tra 7.24-8.00 x 4.39-5,19 micron.

Note Specie simile è Paxillus involutus, il quale verosimilmente è specie meno frequente, ha spore di dimensioni mediamente maggiori, tonalità più scure del cappello, cuticola insensibile all'ammoniaca.

Habitat: bosco di Quercus ilex, lungo l'argine sabbioso di un piccolo fiume, ma in presenza anche di Alnus e condivisione dell'habitat con Gyrodon lividus (vedi scheda).
Ritrovamento in provincia di Cagliari.
E' specie velenosa (sindrome paxillica).