Russula parodorata Sarnari

E'una Tenellae della subsezione Puellarinae ed è specie di piccole o anche medie dimensioni, 4-6.5 cm. le misure del presente ritrovamento, cuticola vellutata nei giovani esemplari, un pò zigrinata verso il margine e colori abbastanza variabili, ma solitamente amaranto con varie gradazioni e tendenza a scolorire o decolorare con l'età;lamelle gialline a maturazione; gambo cilindrico un pò svasato verso l'alto, biancastro, imbrunente-ingiallente in modo irregolare specie al tocco.
Carne bianca, di sapore dolce, odore leggero ed un pò fruttato. Macroreazioni:1) reazione lentamente positiva alla tintura di guaico ossia verde, 2) reazione al solfato ferroso banale ossia rosa pallido brunastro.
Sporata giallo chiara IVa-IVb del cod Romag.

MICROSCOPIA:
Spore globose, subovoidali, piccole, misure rilevate comprese tra 7.68-9.03 x 6.5-7.43 micron., verruche conico-ottuse alte massimo 0.7-0.8 micron e riunite talvolta in creste a formare nell'insieme un disegno da zebrato a subreticolato, tacca soprailare amiloide
Cuticola formata da peli ottusi larghi fino a 6 micron e da dermatocistidi cilindrici o clavati, larghi 6-8 micron, unicellulari oppure divisi da 1-3 setti e non incrostati dopo passaggio in HCl-fucsina.

Note. Presenta somiglianze con diverse altre specie tra cui R. odorata che si differenzia microscopicamente per i peli più sottili ed i dermatocistidi plurisettati. Microscopicamente R. parodorata presenta somiglianze anche con R. prinophila: quest'ultima appartiene ad un altra sezione e non è una Tenellae, si distingue comunque per una diversa macroreazione al solfato ferroso e per i cromatismi della cuticola solitamente rosa-rossi o rosso-vinosi.

Habitat costituito da bosco di latifoglia con presenza di Quercus ilex e Quercus pubescens.

Ritrovamento in provincia di Oristano.

Da considerarsi non commestibile, o comunque di scarso pregio.