Lyophyllum littorale (Ballero & Contu) Contu

Nome corrente attuale: Calocybe littoralis Ballero & Contu (Index Fungorum).

E'specie che cresce gregaria o subcespitosa, di piccole o medie dimensioni, diametro del pileo in questa raccolta di 3.5-6 cm., caratterizzata dai colori sostanzialmente grigiastri di cappello e gambo, cuticola liscia pruinosa ornata di guttule nerastre; lamelle larghe discretamente fitte consistenti e tenaci, adnato-decorrenti, biancastre, non viranti alla pressione digitale, alla lunga di color crema-paglierino; gambo dello stesso concolore del cappello, cilindrico od anche un p flessuoso, talvolta attenuato verso la base e pruinoso nella sua parte alta sottolamellare.
In sezione la carne biancastra un p imbrunente/ingrigente specie nel gambo verso il cortex; l'odore erbaceo-subfarinoso, il sapore conforme ossia dolciastro, subfarinoso, non sgradevole o comunque neutrale, alla lunga molto leggermente amarognolo.

Sporata bianca.

MICROSCOPIA:
Spore ialine, piccole, lisce, subglobose o appena ellissoidi per Q = 1.11-1.14, le misure rilevate su 20 spore sono comprese tra 4.82-5.84 x 4.20-5.24 micron.
Il rivestimento pileico di tipo cutis ossia formato da ife cilindriche settate e pi o meno parallele con terminale ottuso e non ramificato, presenza nelle ife di sporadiche incrostazioni parietali grigiastre; giunti a fibbia presenti.
Imenio fertile con struttura a basidi e basidioli, non evidenza di ife differenziate in cheilocistidi. Le granulazioni e vacuoli presenti all'interno dei basidi fanno pensare che si tratti di basidi siderofili quando colorati con carminio acetico. I Basidi sono claviformi, in prevalenza tetrasporici, le misure rilevate su almeno 10 basidi isolati sono comprese tra (28.88 x 6.11) 32.88-37.09 x 6.62-7.11 micron e ci consente l'inquadramento della specie nella sezione Difformia del Genere Lyophyllum .

Note. L'aspetto macroscopico della cuticola ricorda quello di Lepista panaeola o anche di Melanoleuca, ed anzi la prima impressione su campo era stata per quest'ultima. Questo carattere macroscopico pu essere comunque di aiuto per una corretta determinazione.

L'habitat di ritrovamento costituito da un tratto muschioso-erboso di terreno, con substrato di crescita abbastanza friabile, in bosco misto con presenza nelle vicinanze di radi lecci, pini e macchia mediterranea.

Ritrovamento in provincia di Cagliari, circa 100 m. slm (rilevato da app. su cellulare).

E' specie da considerarsi non commestibile.